24 aprile 2011

La foresta nera

Ecco svelato il motivo della mia ricerca forsennata delle amarene sciroppate. Per festeggiare la Pasqua (e anche il mio compleanno con un bel po' di ritardo) ho deciso di cimentarmi nella preparazione di questo dolce meravigliosamente cioccolatoso che è "la foresta nera". Solo che, per farlo, sono fondamentali le amarene e non avendo trovato quelle Fabbri, e neppure quelle fresche perchè non è stagione, ho ripiegato su delle ciliegie sciroppate, molto meno dolci ma comunque buone e, per la decorazione, ho utilizzato le ciocco ciliegie Fabbri al liquore. Il risultato di tanto lavoro è questo qua (anche se le foto non sono un granché):





La base al cioccolato è molto semplice da preparare ed ha riempito la casa di un profumo pazzesco!
Il lavorone sta nel preparare tutti i riccioli di cioccolato per la decorazione e per fortuna in quello mi ha aiutato il maritozzo.



Ingredienti:
2 uova
250 gr di zucchero
165 gr di farina
125 gr di burro
60 gr di cacao amaro
1 cucchiaino di essenza di vaniglia
1 cucchiaino (abbondante) di lievito
90 ml di latte e 90 ml di yogurt bianco magro (o, se lo trovate, 185 ml di latticello)

400 gr di amarene
750 ml di panna fresca
maraschino (oppure Kirsch)

100 gr di cioccolato fondente
100 gr di cioccolato al latte

Mescolare bene il burro con lo zucchero, aggiungere le uova fino ad avere una crema omogenea.
Aggiungere la vanillina, le farine setacciate, il lievito ed il cacao alternandoli con il latte e lo yogurt finchè l'impasto non risulti ben amalgamato.
Versare in uno stampo a cerniera di 20 cm imburrato e infarinato e mettere in forno preriscaldato a 180° per 45 min (o 60 min) finché la lama di un coltello infilata al centro del dolce non ne esca asciutta.

Quando la base è pronta e fredda tagliarla a dischi (se riuscite dovrebbero essere tre ma a me ne sono venuti solo due...)
Per farcire: bagnare con il liquore i dischi tagliati e riempire con panna e amarene sciroppate (e denocciolate mi raccomando!!!). Sopra l'ultimo disco stendere di nuovo panna e poi coprire di panna anche tutto intorno e attaccare alla panna i riccioli di cioccolato (utilizzate della carta da forno per farlo perché sulle mani la cioccolata si scioglie che è una bellezza e poi siete costretti a leccarvi le dita...)
Guarnire con ciuffetti di panna, ancora riccioli e qualche amarena che avete tenuto da parte.
Il successo è garantito!!

Questa qui sotto sono io, immortalata dal Finello mentre monto la panna con l'aiuto del bimby.

9 commenti:

analia cristina ha detto...

Mi ci butterei sopra!!!Che peccato per la mia dieta ragazza!!!!

mariapina ha detto...

Elenuccia ma è uno spettacolo!!!! che brava!

Clara ha detto...

Esageratamente buona!!! Ma.... bisogna anche saper mantenere la giusta distanza.... dal frigo.

Marghe ha detto...

Che meraviglia! La tua vocazione è decisamente quella della pasticcera di alto livello.

DonatellaM ha detto...

Ciao Melenella,
che delizia!
Continui a tentarmi con le tue favolose torte.
A presto DonatellaM
PS: bello il disegno di Finello.

Elisa ha detto...

Ti piace il cioccolato,golosina!!
E' venuta benissimo, molto golosa ... ma penso sia finita ormai..uff sono in ritardo!! :-(
Ciao Elisa

DonatellaM ha detto...

Ciao Melenella,
tutto bene? Sono passata dal tuo blog per farti un salutino.
A presto DonatellaM

Melenella ha detto...

Ciao Donatella, grazie per la visita e per l'interessamento!! Sto bene, ma il lavoro mi ha tenuto fuori (e mi terrà fuori ahimè ancora per un po'). Spero di trovare un po' di tempo per farmi viva e riprendere il consueto aggiornamento del blog. Un abbraccio.

Elisa ha detto...

La foresta nera, pensa non l'ho mai fatta a casa, solo al corso di pasticceria....la tua è bellissima e gustosa!
Grazie per esserti unita al nuovo blog Salima, mi sembrava carino farlo ma ancora devo migliorarlo!